Lo zucchero è un composto organico della famiglia dei glucidi disaccaridi, tecnicamente noto col nome di saccarosio.

zuccheroLo zucchero viene aggiunto a cibi e bevande in percentuali più o meno considerevoli. Nell’organismo umano viene immediatamente assimilato e apporta circa 4 chilocalorie per ogni grammo. Un consumo eccessivo di zucchero è considerato dall’Organizzazione mondiale della sanità tra le probabili cause di varie patologie, tra cui le principali sono:

 

 

  • iperglicemia
  • obesità
  • malattie cardiovascolari
  • diabete di tipo 2
  • carie dentaria

In genere, lo zucchero è necessario all’organismo, in certe quantità, come fonte di energia. Tuttavia, un’eccessiva assimilazione nell’organismo di zuccheri non immediatamente utilizzati, ne provoca la conversione in glicogeno il quale viene depositato nelle cellule dei muscoli scheletrici e del fegato per poter essere ritrasformato, quando necessario, in glucosio.

Secondo la comunità scientifica internazionale, per determinare uno stile di vita sano, l’assunzione giornaliera di zuccheri dovrebbe attestarsi al di sotto del 5%, sia per gli adulti che per i bambini. Tuttavia, è molto difficile rispettare questo quantitativo, a causa degli zuccheri nascosti in molti degli alimenti che normalmente vengono consumati. Basti pensare che il 60% dello zucchero assunto proviene dai cibi industriali confezionati. Si tratta degli zuccheri aggiunti, ovvero quelli inseriti durante la preparazione di un alimento, oltre a quelli naturalmente già presenti. Per rendersi conto della portata del problema è necessario leggere le etichette degli ingredienti: la presenza dello zucchero aggiunto viene infatti sempre segnalata. Ma tra gli ingredienti degli alimenti inscatolati non sempre è facile trovare la dicitura zucchero, perchè il termine viene mascherato con altri sinonimi, come destrosio, sciroppo di mais, polidestrosio, sciroppo di mais ad alto fruttosio, sorbitolo, succo di frutta concentrato, galattosio, lattosio, mannitolo, sorbitolo, xilitolo, maltodestrine e zucchero Turbinado, a seconda dell’alimento confezionato.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo subito!